Viaggi senza tempo in mostra alla Torre Colombera di Gorla Maggiore

0
Pubblicità

Uno scultore e due fotografi. Quando queste due arti si incontrano nasce una mostra dall’indubbio interesse. E’ il caso di “Guardare Oltre”, la mostra allestita alla Torre Colombera di Gorla Maggiore e che sarà visitabile per due settimane dal prossimo 10 marzo. Ad organizzarla la Fondazione Torre Colombera in collaborazione con il comune di Gorla Maggiore.

Guardare Oltre espone le opere di Francesco Fazio (scultore), Mauro Fava (fotografo),  Massimo Castiglioni (fotografo) ed è a cura di Antonella Scolfaro. E’ un titolo breve ma diretto e di forte impatto. La sintesi, infatti, racchiude in sé proprio questa forza, ossia quella di saper esprimere un concetto ampio in pochissime parole.
Alla Torre Colombera di Gorla Maggiore si potrà vivere un viaggio raccontato attraverso gli scatti di due fotografi che hanno riprodotto paesaggi diversi con tecniche fotografiche altrettanto differenti.

Massimo Castiglioni racconta momenti di un viaggio tra Normandia e Bretagna immortalato da una Leica del 1958 con un solo obiettivo: un 35 mm di quasi 50 anni di età; Il suo stile mira a rappresentare lʼessenzialità dei paesaggi, attraverso scatti in bianco e nero in tecnica argentica; la sua idea di fotografia cerca di catturare lʼanima delle cose, rendendo eterni determinati momenti, mediante equilibri tra luce ed ombra, splendore e oscurità, in un contrasto di sfumature di grigi. Tutte le immagini esposte sono state pensate e volute, nellʼottica di una fotografia studiata, pensata, non casuale. La tecnica analogia da lui utilizzata ha dato risultati unici, essendo questa a sua volta una tecnica unica.

Mauro Fava, invece, ci vuole raccontare il suo viaggio tra Irlanda e Norvegia, appuntato sulla sua macchina digitale compatta; per questo fotografo la fotografia è fondamentale per rivivere, a distanza di tempo, le stesse emozioni provate durante un viaggio. I ricordi che sembrano sbiadire col tempo sono tutti presenti in quellʼimmagine, che riporta alla mente certe sensazioni, pensieri e profumi, tutti collegati allʼesperienza vissuta. La sua fotografia digitale nasce dallʼesperienza analogica, che gli ha insegnato a pensare ad una foto, prima di scattarla. In secondo luogo, questa mostra non si limita allʼesposizione di fotografie, ma mette in evidenza anche delle sculture; lʼarte, infatti, può essere espressa e manifestata in moltissimi modi; quello che conta è avere qualcosa da comunicare agli altri, e farlo nel modo più congeniale alla propria personalità.

Francesco Fazio, terzo artista presente in questa mostra, espone sculture di arte moderna realizzate con un preciso materiale: l’acciaio cor-ten. La caratteristica della sua scultura è quella di nascere dalla sua professione di fabbro; col tempo Francesco ha trasformato il suo lavoro in arte, cercando di trasmettere momenti di ispirazione direttamente sullʼacciaio, con risultati straordinari; lʼartista ha infatti esposto il proprio materiale al Louvre di Parigi ed è stato vincitore alla Biennale di Roma nel 2016.

GUARDARE OLTRE. Di Francesco Fazio, Mauro Fava e Massimo Castiglioni. A cura di Antonella Scolfaro. Dal 10 al 24 marzo 2019. Inaugurazione: domenica 10 marzo ore 16.30 Luogo: Torre Colombera, via Canton Lombardo 4, Gorla Maggiore. Orari: Mercoledì: 15.00 – 17.00 Sabato: 15.30 – 18.00 Domenica: 10.00 – 12.00 e 15.30 – 18.30.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

4 + 8 =