Premi Inail, consulenti del lavoro a confronto sulle nuove tariffe

0
Pubblicità

Consulenti del lavoro a confronto sulle nuove tariffe dei premi. La sede territoriale Inail Varese ha organizzato questa mattina, giovedì 18 aprile, un convegno per spiegare, agli addetti ai lavori, le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019.

«Dopo circa 20 anni dall’ultima revisione, la legge di bilancio 2019 (legge 145/2018) ha disposto l’aggiornamento delle tariffe dei premi INAIL per adeguarle ai cambiamenti avvenuti nel mondo del lavoro – spiega direttrice territoriale Inail, Santa Picone – Il nuovo quadro tariffario tiene conto delle trasformazioni tecnologiche ed organizzative che negli ultimi anni hanno trasformato molte imprese e cambiato il volto a moltissimi luoghi di lavoro».

In particolare, fra le novità, spicca l’aggiornamento del nomenclatore che attribuisce a diverse attività tassi di rischiosità differenziati. «Sono stati altresì ricalcolati i tassi medi e modificato il meccanismo di oscillazione del tasso per andamento infortunistico. Con la revisione del nomenclatore le voci tariffarie sono diminuite passando da 739 a 595 e i singoli tassi di premio non superano mai quelli previsti dalla tariffa 2000 ed in alcuni casi risultano inferiori del 50% rispetto al passato».

Un’altra importante innovazione è il calcolo di un tasso aziendale basato sulla gravità degli eventi lesivi, dai quali restano ovviamente esclusi gli infortuni in itinere, ovvero quelli che accadono nel tragitto tra casa e lavoro. «Con l’aggiornamento delle tariffe arrivano inoltre nuove risorse (110 milioni di euro annui) per il miglioramento delle prestazioni: in particolare è prevista l’erogazione di rendite, in mancanza di coniuge e figli, ai genitori e ai fratelli delle vittime sul lavoro e l’aumento dell’assegno una tantum in caso di evento mortale ai familiari – sottolinea – E’ stata modificata anche la tabella di indennizzo del danno biologico anche in questo caso con un incremento degli indennizzi economici».

A regime la nuova revisione alleggerisce di altri 500 milioni gli oneri complessivi a carico delle imprese portando così lo sgravio da 1 miliardo e 200 milioni ad oltre 1 miliardo e 700 milioni, con una diminuzione strutturale del 32,72% dei tassi medi per le aziende. Al convegno sono intervenuti anche il responsabile processo aziende di Gallarate Raniero Col e la responsabile del processo prevenzione della sede di Varese Chiara Cinelli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quattro × uno =