POLITICA. Cosentino e Fontana fanno il bilancio di Lombardia Ideale: «Riavvicinata tanta gente alla politica»

0
Pubblicità

Al Palazzo delle Stelline di Milano si è parlato dei del neonato movimento politico “Lombardia Ideale”, costola civica della Lega di Matteo Salvini e Attilio Fontana, e dei risultati ottenuti alle ultime elezioni: molti i protagonisti varesini, a cominciare dal governatore lombardo Attilio Fontana e dal coordinatore di Lombardia Ideale, Giacomo Cosentino. Presente anche il capogruppo della Lega in Regione, Roberto Anelli.

«A febbraio abbiamo presentato l’idea di un movimento politico snello – ha detto il varesino Cosentino – nato come sviluppo della lista Fontana, finalizzato a dare voce a un mondo civico e autonomo rispetto ai tradizionali partiti ma che condivide l’operato di Salvini e di Fontana, che ringrazio entrambi per la fiducia e il supporto».
«Dopo soli tre mesi di lavoro a Bergamo, grazie anche al coordinatore Danilo Minuti – prosegue Cosentino – siamo il secondo movimento del centrodestra (raggiungendo l’8,3%) e a Pavia – guidati dal referente Francesco Mantovani – il terzo (con il 6,3%), eleggendo in entrambe le città due consiglieri comunali; abbiamo anche i primi sindaci eletti e al centinaio di amministratori locali che hanno già aderito si aggiungono una ventina di nuovi consiglieri comunali, tra cui il consigliere Manuel Piccinini che ad Albino ha superato le 400 preferenze risultando il più votato in assoluto. A breve saremo rappresentati anche nel consiglio comunale di Limbiate e ci saranno nuove adesioni, soprattutto a Milano».

Molto soddisfatto anche Attilio Fontana«Questo movimento intercetta tutte le persone che hanno il desiderio di impegnarsi ma non si riconoscono molto nei partiti e nelle relative liturgie – ha detto il presidente della Regione – È stato fatto un buon lavoro, abbiamo messo al centro la voglia di fare, la concretezza e l’impegno verso i cittadini; poche parole e tanti fatti. Il rapporto tra Cosentino e la Lega è molto positivo, questo progetto politico verrà portato avanti anche nelle città che andranno al voto nei prossimi anni (esempio Milano e Varese) ma non solo: ora possiamo allargarci anche in altre Regioni e quindi dar seguito a richieste che ci sono pervenute anche al di fuori della Lombardia. La voglia di fare ha contagiato tanta gente, anche coloro che si sono allontanati dalla politica».

Per finire è intervenuto il capogruppo Roberto Anelli: «La Lega crede in Lombardia Ideale, non è un avversario politico ma un compagno di percorso, diamo pieno appoggio. Per la Lega Lombardia Ideale è complementare: alle amministrative Lombardia Ideale è riuscita a intercettare l’elettorato non leghista di Matteo Salvini che altrimenti sarebbe andato disperso in altre liste. Mi permetto di dire che sia il nostro segretario federale che quello Nazionale, Paolo Grimoldi, sono molto vicini a questo movimento».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

4 × 3 =