FOTO. Forti grandinate in provincia. Un temporale estivo ad aprile: e il cielo di Varese diventa nero

0
Pubblicità

Vento, pioggia, rare schiarite, tuoni e lampi e soprattutto intense grandinate (nella foto d’apertura i chicchi caduti a Solbiate Arno). E’ un clima decisamente volubile quello che sta interessando questa mattina la provincia di Varese. Intorno alle 11.45 di oggi, venerdì 26 aprile, il capoluogo è stato colpito da temporale dalla caratteristiche estive: una cella temporalesca impressionante, che ha portato nubi scure, vento, lampi e tuoni oltre a un’acquazzone piuttosto intenso che ha fatto cadere della grandine anche a Varese città. Un anticipo di meteo estivo in piena regola.

In provincia la situazione è stata ancora peggiore, con violente grandinate che hanno colpito soprattutto la zone centrale del Varesotto, ma anche Malnate, il Gallaratese (in particolare Cassano Magnago e Somma) e la Valle Olona. A Solbiate Arno le strade si sono imbiancate ricoperte di chicchi grandi come noci, come testimoniano le foto scattate a Solbiate. Grandine anche a Jerago con Orago, Cavaria e Albizzate. Grandine fitta anche a Malnate: anche qui strade imbiancate totalmente dai chicchi. Segnalazioni anche da Castronno, Morazzone, Vedano Olona, Arcisate, Viggiù, Venegono, Gornate Olona, Castiglione Olona e Vergiate. La situazione è andata normalizzandosi tra le 12.30 e le 13.

La cella temporalesca sul cielo di Varese intorno alle 11.40

Del resto, per la giornata di oggi, i temporali erano previsti. La conferma arriva dal bollettino meteo emesso dal Centro Geofisico Prealpino di Varese questa mattina, che per oggi annuncia «su Alpi e fascia pedemontana molto nuvoloso con piogge intermittenti, locali rovesci o temporali. Limite neve verso 1800 metri. Sulla pianura padana variabile con schiarite e qualche rovescio o temporale soprattutto tra pomeriggio e sera. Rasserenamento in nottata». Le cose dovrebbero andare decisamente meglio domani, quando i meteorologi varesini prevedono tempo «abbastanza soleggiato. Nel pomeriggio cielo velato, qualche passaggio nuvoloso e annuvolamenti cumuliformi sui monti in dissoluzione a sera. Asciutto. Temperature massime in rialzo».

La grandine caduta a Varese città

A differenza della grandine, pioggia e nuvole sono però un aiuto prezioso per l’ambiente. Soprattutto dopo un inverno particolarmente secco, che ha ridotto al minimo l’apporto idrico. E l’acqua caduta al suolo in questi giorni non è stata frutto di eventi eccezionali, ma di quello che in primavera sono caduti in totale 43.6 millimetri di pioggia, il giorno successivo 23.8. Con questi dati il Centro Geofisico mercoledì sera sottolineava che «il mese di aprile sale così a 141 mm, avvicinandosi alla media di 149 mm. Il grafico delle piogge cumulate annuali mostra però che il deficit invernale non è ancora stato colmato».

La grandine caduta a Solbiate Arno:

La grandinata a Malnate:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quattro × 3 =