La polizia ferma famigliola in auto con pusher a bordo. Una denuncia

0
Pubblicità

Nella notte tra sabato scorso e la domenica di Pasqua, la Polizia di Stato di Luino ha denunciato un cittadino di origine marocchina di 27 anni per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. In seguito all’intensificazione dei controlli del territorio in occasione delle festività pasquali appena trascorse, una pattuglia del Settore Polizia di Frontiera di Luino, mentre transitava lungo la strada statale 233 a Marchirolo, ha proceduto al controllo di una vettura sospetta che si aggirava in zona.

A bordo del veicolo c’erano due cittadini italiani (noti agli agenti come assuntori di sostanze stupefacenti) ed il loro neonato di appena quattro settimane, oltre ad un cittadino marocchino, sprovvisto di documenti di identità. I poliziotti sono stati subito insospettiti dal nervosismo che l’uomo mostrava non appena scattato il controllo. Durante la perquisizione del magherbino, i poliziotti gli hanno trovato addosso una ingente quantità di denaro contante, della quale l’uomo non è riuscito a giustificare il possesso. Inoltre lo hanno trovato con tre telefoni cellulari ed una dose di cocaina nascosta all’interno delle proprie scarpe.

Gli agenti, inoltre, hanno rinvenuto anche la chiave di un’autovettura posteggiata non lontano dal luogo del controllo. Dentro, nascoste nel bagagliaio, c’erano ulteriori cinque dosi di cocaina, già divise, e due “pezzi” di hashish. Il marocchino, dopo essere stato sottoposto a foto-segnalamento, è anche risultato essere irregolare sul territorio nazionale e con alle spalle molteplici precedenti penali e di polizia per reati contro la persona legati agli stupefacenti, oltre a vari provvedimenti di espulsione, tutti inottemperati. Il magrebino è stato quindi denunciato a piede libero per i reati di spaccio continuato di sostanze stupefacenti e per l’inosservanza dei provvedimenti di espulsione e la vettura, il denaro, i telefoni e lo stupefacente sono stati sequestrati.

Questa ulteriore operazione va ad aggiungersi alle indagini, effettuate dalla Polizia di Stato luinese, che nei mesi passati hanno già portato all’esecuzione di 15 misure cautelari di cittadini marocchini ed italiani, oltre che all’arresto di altri cinque soggetti colti in flagranza di reato mentre spacciavano con conseguente sequestro di ingenti quantità di sostanze stupefacenti come cocaina, eroina ed hashish, oltre a migliaia di euro di denaro contante.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 × 2 =