«Il Varese doni coppe e trofei al Comune: consegniamo un patrimonio glorioso alla città»

11
Pubblicità

“La dirigenza del Varese Calcio doni i trofei al Comune”: la proposta arriva da due consiglieri del Partito Democratico di Varese, Giacomo Fisco e Lorenzo Macchi.
Dopo le ultime notizie in merito alla difficile situazione in cui versa la società e alla sospensione degli allenamenti e delle attività della scuola calcio e del settore giovanile da dicembre, Fisco e Macchi propongono al sindaco Davide Galimberti di chiedere a quel che rimane della dirigenza di donare i trofei, le coppe ed i cimeli della squadra al Comune di Varese, in modo da salvaguardare quelli che sono dei veri e propri simboli sportivi oltre che patrimonio storico della città.

La proposta è quella inoltre di allestire all’interno di Palazzo Estense una sala dei trofei dedicata alla storia del Varese Calcio.
“Crediamo sia fondamentale preservare i simboli del glorioso passato calcistico della nostra città – spiega Giacomo Fisco, giovane consigliere comunale – soprattutto in un periodo così difficile per questa realtà. La storia del Varese appartiene a tutti i cittadini e alla città, per questo spero vivamente che la nostra proposta venga accettata”.
“Il Comune deve diventare il custode del patrimonio calcistico della nostra città – continua Lorenzo Macchi – lo dico da amministratore locale ma soprattutto da tifoso del Varese. Sarebbe un danno enorme perdere altri pezzi, come successo in passato, della nostra storia calcistica. I trofei, le coppe e i cimeli devono essere tutelati e magari esposti proprio in Comune, casa di tutti i cittadini”.

11 Commenti

  1. Ovviamente sarebbe una buona cosa, ma solo se si trattasse (appunto) di una donazione. Anche qui, torno a ribadire che non un altro euro pubblico deve finire in questo buco nero

  2. seh, figuriamoci se in questo momento il “farmacista disorientato” é disponibile ad un dialogo che non sia basato sul meschino ricatto…

  3. Beh… I cervelloni del PD partoriscono l ennesima idea vitale! Ovviamente è fondamentale mettere a disposizione di milioni di turisti la possibilità di vedere la coppa Italia eccellenza Lombardia di una squadra che non esisterà più. Complimenti, anche oggi i nostri politicanti trovano il modo per aiutare il Varese. Pensate ad altro va….

    • E ti pareva che non si doveva evocare il PD pure nella crisi del Varese. Complimenti per l’arguzia!

      (Perché poi i politicanti che hanno aiutato il Varese DAVVERO™️ – sappiamo bene chi – sono stati efficaci e lungimiranti… certo certo…)

  4. Ma concretamente l’amministrazione comunale, che evidentemente non ha obblighi, cosa ha fatto di tangibile per cercare soluzioni o, chiamatele come volete, per aiutare in qualche modo il Varese. A parole sono tutti grandi tifosi e non si perdono una partita ma poi……..

    • Pensano alla coppa da esporre. Magari a centrocampo quando l Ossola sarà vuoto ed abbandonato, prima di una bella variante speculativa al pgt…. I politicanti non si sono mai interessati del Varese, nemmeno della funzione sociale che svolge il calcio in una piccola comunità come la nostra. Però se dovessimo mai ripartire e vincere qualcosa… Saranno subito tutti pronti a fare la sfilata in tribuna con la sciarpa al collo!!!!

  5. Il Comune avrebbe dovuto cautelarsi nella convenzione ponte di un anno con clausole ad hoc che permettessero, in caso di inadempienze quali quelle verso i fornitori di elettricita’, acqua, ecc., di recedere immediatamente per giusta causa. Evidentemente non l’ha fatto, ed ora la collettivita’ ne patisce le conseguenze.

  6. Ora ci sono i fenomeni del PD, è un problema dirlo??? Non mi interessa, questa è l attualità e la verità…. Se poi fa male… Problema non mio….

  7. …certo che l’ignoranza non ha confini…
    prendersela con l’amministrazione comunale ed i consiglieri, che pur nel loro piccolo fanno quello che possono per tutelare almeno i trofei vinti o i cimeli rimasti, è proprio da meschini.
    Insultate quei gran signori che si sono succeduti sulle poltrone della società negli ultimi anni o con quelli che per protesta hanno più volte vandalizzato il nostro stadio facendo ricadere ulteriori costi sulla collettività. Bravi!!
    Inoltre il sindaco Galimberti ed i suoi collaboratori hanno il merito di aver concesso convenzione solo per un anno non fidandosi dei personaggi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

4 − quattro =