FLASH VARESE CALCIO. La prima squadra si riunisce e poi decide di trasferirsi in palestra

42
Pubblicità

La settimana della prima squadra del Calcio Varese riparte dalla palestra Life. I giocatori si sono trovati al campo di Calcinate degli Orrigoni; poi, dopo essersi confrontati negli spogliatoi, si sono spostati verso la struttura di via Sanvito Silvestro. La decisione sembra dunque essere quella di proseguire nel loro percorso, anche se la situazione sta diventando insostenibile: settimana scorsa la promessa di incontrarsi per i rimborsi è stata – ancora – disattesa, spingendo così il portiere Calandra (come vi abbiamo raccontato qui ieri) alla decisione di lasciare la borsa e andarsene.

A Calcinate si sta allenando la Juniores, a seguire ci saranno le sedute di Allievi e Giovanissimi. All’esterno della struttura messa a disposizione dal Comune per non interrompere le attività, è rimasto un gruppetto di tifosi sempre presenti che dibatte sulla situazione in casa Calcio Varese: al centro del discorso anzitutto le dichiarazioni del presidente Benecchi di domenica, commentate con delusione, incredulità e rabbia.

Novità sul fronte vertenze ancora non ce ne sono, tantomeno su eventuali colloqui Benecchi-Fadani.

42 Commenti

    • Fallendo ora si riuscirebbe a salvare la categoria? (sempre che con i punti in meno causa vertenze non pagate si retroceda in promozione). Come funziona?

      • in verità un bravo curatore potrebbe ottenere l’esercizio provvisorio e sanare davvero una parte delle criticità… a Lecco così hanno salvato la Serie D e adesso sono ripartiti con una proprietà solida

        • Come nel 1987 (ma ora si può fare?)… con il famoso curatore Caramella e Carletto Soldo in panchina… (Da un vecchio articolo) All’epoca il Varese aveva un debito di un miliardo e 400mila lire, riuscì a fallire (in tribunale) e a salvarsi contemporaneamente (sul campo): avvenne la scissione tra i debiti e il titolo sportivo che poi finì in mano degli imprenditori Claudio Milanese, Luigi Orrigoni, Cesare Bernasconi e Guido Borghi. Nacque il Varese Football Club (che fallì a sua volta nel 2004…rinascendo come AS Varese 1910)…

          Cmq all’epoca c’era più voglia e attenzione anche da parte delle istituzioni… ora???

  1. Mi chiedo come Benecchi possa avere una simile faccia tosta da prendere in giro i giocatori in primis, noi tifosi e la città di Varese!!! Le dichiarazioni di domenica scorsa hanno davvero del surreale, non capisco fino in fono se “c’è o ci fa'”! Non puoi promettere in continuazione qualcosa che non puoi mantenere! I bonifici dall’estero, per esempio, impiegano al massimo dai 3 ai 5 giorni per essere sul conto….. piantiamola una volta per tutte di sparare stupidaggini che offendono ed umiliano tutti noi!

  2. Ferrara si dice Spal, Reggio Emilia si dice Reggiana, Reggio Calabria su dice Reggina, Varese si dirà Varesina … speriamolo…

    • ma anche no… al più il titolo sportivo verrà da lì ma si rinominerà magari AS Varese 1910 o Varese FC (quanto costerà riappropriarsi di una delle due vecchie denominazioni fallite…?)
      Ma i “Raviolai” vorranno farlo?

  3. Posso ammirare e apprezzare la loro società ma nn tiferò MAI quella squadra. 109 anni di storia nn si possono cancellare e anche in 3 categoria urlero’ sempre forza Varese!!

  4. PQ 59 e Romano varesino, belli i vostri deliri. Ma i Di Caro dissero già l’anno scorso che se fossero venuti qui l’avrebbero fatto nel rispetto più totale della nostra fede, quindi a partire dal cambio di denominazione.

      • Della ns fede o della loro? Saluto anch’io Milanese e la sua avventura allo storico Busto 81 a Solbiate con i suoi quasi quarant’anni di storia in categorie superiori!

          • Infatti, ma certa gente pur di non abdicare all’orgoglio dei “poveri ma prestigiosi” sputerebbe anche in faccia a Warren Buffett. A loro dico una cosa sola: complessati mentecatti, tornate a segarvi sulle foto di Anastasi. E mi scuso per la finezza, ma questi atteggiamenti da primedonne hanno veramente rotto!!!!

  5. Gabriele devi andare alla farmacia e piantonare il “dottore” ti deve dire perché ci racconta balle su balle. Fadani ha parlato di condizioni economiche che al momento non ci sono LUI dice che i bonifici sono partiti.BASTA gli devi togliere dal collo la sciarpa del Varese, non si permetta più di indossarla e si vergogni. Scrivete alla Federazione non possono fare finta di niente. Un applauso ai giocatori e niente più. Pazzesco

  6. I Di Caro se ne restino a Venegono con gli scoiattoli! Facciano la fusione col Busto81 Solbiate, il futuro del calcio varesino e italiano! Perché venire a Varese, una piccola realtà e mischiarsi con noi pezzenti!

  7. Ripartire almeno per un paio di stagioni con solo Scuola Calcio e 2 squadre di Settore giovanile,unica soluzione partire proprio da zero con gente onesta e volenterosa,cantastorie basta.

  8. un vero shock pensare ad un Varese nel fondo che più fondo non si può…
    Già nella rifondazione del 2015 hanno sprecato l’opportunità per creare basi solide, per non parlare dello snobbismo dimostrato nei confronti di Vavassori… poi il tracollo con i Basile, i Taddeo, i Catellani, i Berni, i Benecchi e i Fadani…
    e quanti complici… colpevoli di immobilismo, buonismo, paraculismo… Un bel po di gente da maledire….

    • Alla birreria dove prima c’era lo stadio.
      Infatti spero che venga abbattuto e sorga un centro commerciale. Non serve più a nulla. Fadani compri il Como, squadra solida e più blasonata del Varese. Anche la location è da film. La storia del Como.

  9. Una testata giornalistica sportiva ha ipotizzato un rientro in scena di Berni per Varesello e giovanili. Veramente pazzesco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

1 + 17 =