Pubblicità

«Cerco personale motivato, con la voglia di lavorare e che creda nel loro lavoro ma non lo trovo». È davvero amareggiato e forse anche un po’ deluso Diego Trogher, amministratore della TD Group di Galliate Lombardo, azienda di pulizie che negli anni ha allargato il suo business ad una serie di servizi correlati fino ad arrivare ad avere un centinaio di dipendenti: «Ricevo continuamente curricula e domande di lavoro: ma la verità è che, appena inizio a parlare con le persone che si presentano, capisco subito che manca la volontà di fare questo mestiere».

Difficile pensare che un lavoro di pulizie possa essere fatto in orario di ufficio: «Noi ci mettiamo all’opera quando gli uffici chiudono: al mattino presto, alla sera, di sabato, di domenica – spiega Trogher – e quando metto in chiaro le caratteristiche del lavoro subito si tirano indietro: il sabato devono uscire, la domenica devono andare a fare la camminata con gli amici… questo mi sento rispondere».

Eppure stiamo parlando di un lavoro con tutte le carte in regola: «Noi non siamo una cooperativa, non usiamo lavoro somministrato: siamo un’industria, offriamo un contratto in piena regola, con stipendi del tutto in linea con il mercato, ma la verità è che questo sembra non bastare».

La situazione è così ingessata che la società è costretta a rinunciare ad alcuni lavori proprio perché non trova nuovo personale: «Io non voglio gli scarti del mercato del lavoro, persone che vengono da me in attesa di trovare altro: voglio persone motivate, serie, con la voglia di crescere nella mia azienda, che si trova a dover far fronte ad un cambio generazionale investendo su nuove risorse».

Ma questo non è l’unico caso di azienda che cerca personale e non lo trova. Anche Riccardo Santinon, che gestisce lo storico ristorante e hotel Borducan al Sacro Monte, non riesce a trovare personale: «Da tre mesi cerco personale per la cucina e la sala, ma non riesco a trovarlo». Il problema per Santinon è ancora più a monte rispetto a disponibilità e volontà di lavorare: «Il fatto è che qui le persone non arrivano proprio: la località frena la gente che in alcuni casi non viene neppure a fare il colloquio».

A mancare dunque non sono solo tecnici specializzati per l’industria, come ribadito dal presidente di Confartigianato Varese in questi giorni (leggi qui le sue dichiarazioni), ma anche personale per molti altri tipi di lavoro. Eppure, se guardiamo l’altro lato della medaglia, ancora tanti giovani non trovano un impiego. Siamo di fronte ad un mercato che in alcuni casi sembra essersi paralizzato: imprese che cercano, giovani che non trovano, lavori che nessuno vuol fare, difficoltà che sembrano insormontabili.

1 commento

  1. Buongiorno, questo articolo mi lascia molto perplessa. Il mio ragazzo ha portato il cv a mano alla TD Group, l’abbiamo mandato almeno 3 volte tramite mail/candidatura online e non ha mai nello ricevuto un messaggio o un invito per un colloquio. Forse se facessero almeno un colloquio a chi si candida qualcuno lo troverebbero. Sono mesi che anche su varesenews la TD group cerca ma poi non fa colloqui alla gente che si candida.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tredici − 10 =