Aziende in rosa, un progetto di Confcommercio Uniascom per conciliare impresa e famiglia

0
Pubblicità

Sono 12.300 le imprese in rosa della provincia di Varese: un quinto dell’imprenditoria è donna e per capire quali siano le loro effettive esigenze, il gruppo Terziario Donna – Confcommercio Uniascom ha deciso di promuovere una ricerca che analizzi i bisogni di conciliazione tra vita privata e lavorativa.

«Una ricerca – spiega Cristina Riganti, presidente Gruppo Terziario Donna – che individui e analizzi i principali bisogni e le conseguenti difficoltà che le donne imprenditrici della provincia di Varese si trovano a vivere ogni giorno, nel tentativo di conciliare lavoro, figli e spesso anche l’assistenza ai genitori anziani. Attraverso i dati che emergeranno potremmo poi mettere in atto interventi concreti ed efficaci, in integrazione a quelli pubblici di welfare, per rispondere ai bisogni di conciliazione e di conseguenza sostenere l’imprenditoria femminile in tutte le sue forme».

L’indagine prenderà il via nei prossimi giorni attraverso una survey online rivolta alle associate di Confcommercio Uniascom della provincia di Varese. I risultati, che saranno elaborati dall’Università degli Studi di Milano, saranno invece presentati a giugno.

«E’ un progetto interessante ed innovativo che abbiamo condiviso non appena ci è stato presentato – aggiunge Sergio Bellani, segretario generale Confcommercio Imprese per l’Italia Uniascom – Siamo ansiosi di conoscerne i risultati perché potranno essere utili a tutto il tessuto economico della provincia: comprendere e favorire i bisogni di conciliazione giova alla qualità della vita, alla serenità famigliare e alla redditività dell’impresa».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

20 + 12 =