Atterrati a Malpensa i primi tre cani salvati dal “Festival degli orrori” di Yulin

0
Pubblicità

L’attivista italiano Davide Acito è atterrato a Malpensa questa mattina con i primi tre cani salvati dal festival cinese di Yulin. Lizzy, Jack e Freya sono il simbolo della lotta ad una tradizione culinaria che ancora persiste e per cui ogni anno migliaia di cani vengono uccisi per finire nei ristoranti e sulle tavole cinesi. Un “festival degli orrori”, come è stato ribattezzato, al centro di diverse campagne di sensibilizzazione in Italia, cui anche la trasmissione le Iene ha dedicato dei servizi televisivi.

I cani hanno viaggiato in aereo dall’Island Dog Village E.F. , il rifugio costruito a Nord della Cina grazie al finanziamento dalla generosissima stilista Elisabetta Franchi. E’ li che gli attivisti dell’Action Project Animal li portano dopo averli sottratti alle slaughterhouse, ovvero i macelli improvvisati, e li curano da malattie come il cimurro e la parvovirosi, li nutrono, li sterilizzano e li dotano di microchip: lì inoltre rimangono al sicuro in attesa di essere adottati.

Ad Accogliere Acito e i cani a Malpensa, oltre alle nuove famiglie adottive, erano presenti molti sostenitori di questo progetto. «Ci sono ancora 18 cani che aspettano di trovare accoglienza in Italia – ha spiegato Acito – Chiediamo solo un contributo per affrontare le spese per il viaggio in Italia e chiunque fosse interessato può scriverci a actionprojectanimal.adottami@gmail.com».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quattordici − otto =